Chiarimenti in merito all’alternatività tra Nota di Variazione ex art. 26, comma 3, e rimborso Iva ex art. 30-ter, DPR 633/1972

Con la Risoluzione n. 762/2021, l’Agenzia delle Entrate chiarisce che, in caso di fatture emesse per errore o comunque oggetto di contestazione, il diritto del cedente/prestatore al recupero dell’Iva, quando non sia più consentita l’emissione della nota di variazione, è sempre garantito tramite istanza di rimborso ex art. 30-ter, a condizione che non vi sia alcun rischio di perdita di gettito, come nel caso in cui il destinatario si sia astenuto dalla registrazione dei documenti ai fini Iva.